Dott.ssa Susanna Barbi Psicologa e Psicoterapeuta

Studio di Psicologia Clinica, Via Fulvia 65/a -Mirandola- Contatti: 338 4143045

 SOSTEGNO PSICOLOGICO DI COPPIA

Sono colloqui terapeutici che hanno lo scopo di sostenere la coppia e i singoli partners in un momento di particolare disagio personale o di coppia per lo più legato ad una circostanza attuale e transitoria. Come nei seguenti casi:

 

 

- Maternità/paternità

- Gravidanza/post-parto

- Quando si cerca un figlio

- Fasi evolutive di transizione (es. matrimonio/convivenza, nascita di un figlio, lutto, etc.)

- Fasi critiche per la coppia (es. perdita del lavoro, trasferimento in altra città, etc.)

- Separazione/divorzio

- Altre problematiche relazionali

 

PSICOTERAPIA DI COPPIA

I colloqui di psicoterapia di coppia, sono rivolti alle coppie che vivono un disagio profondo e duraturo, spesso non riconducibile ad un evento attuale o circoscritto ma a circostanze più complesse e ampie. Come nei seguenti casi:

 

- Problemi di comunicazione

- Conflitti di coppia

- Problemi sessuali

- Tradimento/gelosia

- Sterilità/inferitlità

- Problemi relazionali con le famiglie di origine

- Aggressività

- Alcolismo/abuso di sostanze/altre dipendenze

- Disturbi d'ansia (attacchi di panico, ansia sociale, etc.)

- Disturbi dell'umore (depressione, depressione post-parto, etc.)

- Altre problematiche relazionali

 

 

La terapia ha lo scopo di raggiungere un maggiore benessere personale e di coppia, indagando sul problema e sulle modalità relazionali disfunzionali per modificarle e renderle più efficaci.

 

L’obiettivo terapeutico e' quello di dare un equilibrio piu' funzionale nella vita della coppia.

La metodologia di lavoro si muove all’interno di un’ottica relazionale che prevede un’indagine anamnestica che mira a:
• conoscere la storia della coppia attraverso l’esperienza dei partners
• comprendere l’interazione delle personalita' e le singole caratteristiche
• evidenziare la sofferenza di coppia e dei singoli membri
Dopo questa prima fase anamnestica il compito del terapeuta e' quello di consentire una ristrutturazione delle emozioni, dei sentimenti e del vissuto dei membri della coppia, che molto spesso arrivano schierati su due fronti opposti, che non consentono alcun ascolto reciproco.

Puo' essere utile sottolineare che il contratto, che la coppia aveva negoziato agli inizi, andava incontro ai bisogni ed alle speranze di allora: il problema ora e' che quel contratto non e' stato cambiato in relazione al mutamento delle circostanze e dei bisogni.

Pertanto la fase psicoterapeutica e' mirata a render consapevoli i membri della coppia che:
• possono superare le loro difficolta' se riconoscono anzitutto che la delusione, la frustrazione e la rabbia sono dovute non tanto ad incompatibilita' di fondo, quanto ad incomprensioni dovute a comunicazioni sbagliate e ad interpretazioni negative del comportamento reciproco dei partners
• l’incomprensione e' spesso un processo attivo, che emerge quando uno dei membri si fa un’immagine distorta dell’altro, che porta ad una interpretazione errata di quello che l’altro fa e dice, ad attribuirgli cattive intenzioni
• ogni partner deve assumersi la responsabilita' del cambiamento, cioe' che hanno effettive possibilita' di scelta
• i partners possono darsi aiuto l’un l’altro e darne al rapporto, se escludono comportamenti di colpa e biasimo reciproco, concentrandosi sui problemi reali da risolvere
• l’odio e il bisogno di controllo, l’egoismo di ciascuno vengono letti in termini accettabili se si considerano le motivazioni positive di partenza cioe' la paura di essere abbandonati, l’autoprotezione, ecc. anche se la manifestazione di tali intenzioni e' negativa

La modalita' dell’intervento rivolto alle coppie prevede sedute regolari per un periodo di tempo che non puo' essere definito rigidamente, ma che dipende naturalmente dalle singole caratteristiche di ogni coppia.